More stories

  • in

    Oggi è il #NoPhoneDay, tutti senza smartphone!

    Oggi, sabato 2 marzo, spegni lo smartphone e dedica la giornata a te stesso, è la OnePlus che te lo chiede! Sembra strano ma è proprio così, l’azienda cinese produttrice di smartphone, sta lanciando in Europa una giornata di riflessione su l’utilizzo responsabile dei nostri smartphone. Questa giornata, conosciuta nel resto del mondo come il "National Day of Unplugging" e diffusa mediante l’uso dell’hashtag #nophoneday, è proprio uno spunto di riflessione per ricordarci che gli smartphone stanno diventando sempre più potenti e fanno sempre più parte della nostra vita. Li usiamo per proprio tutto e ne siamo completamente assorbiti, tanto da non renderci conto di cosa ci succede intorno. La stessa OnePlus rispetterà questo “blackout” non aggiornando nemmeno i propri canali social. Si tratta sicuramente di una bella sfida ma difficile da mettere in pratica. Tu, ci riusciresti?
     
  • in

    Google sta implementando login e acquisti mediante il face ID

    Non ci sono ancora tanti dettagli sulle novità di Android Q ma, fonti attendibili, affermano che potrebbe finalmente apportare qualcosa che gli utenti iOS hanno da molto tempo: il Face ID. Sembrerebbe, infatti, che la prossima build di Android potrebbe supportare, in maniera nativa, il supporto al riconoscimento facciale. In particolare, gli sviluppatori XDA hanno scovato linee di codice, in più parti della build Q di Android, che fanno tutte riferimento al Face ID. È vero che, per numerosi device, è già presente la funzione "face unlock" ma è anche vero che questa sia ormai obsoleta e non del tutto sicura. Non tutti gli smartphone però saranno in grado di sfruttare l'autenticazione e il riconoscimento facciali nativi di Android: l'Huawei Mate 20 Pro, ad esempio, potrebbe essere in grado, così come tutti gli altri nuovi telefoni Android che usciranno quest'anno come, ad esempio, il Samsung Galaxy S10.
  • in

    Arriva Asper P, uno smartphone Android da 12mila euro!

    Dopo due anni dal fallimento della Vertu, il produttore britannico è tornato sul mercato con un nuovo smartphone prodotto in Cina: Asper P. Si tratta, però, di uno smartphone di lusso, destinato ad utenti di nicchia essendo realizzato con materiali molto pregiati e avendo prezzi…stellari! È realizzato completamente a mano in Inghilterra, ha un telaio in titanio indistruttibile, vetro in zaffiro 133 carati e la cover in vera pelle o, a scelta, in oro. Il prezzo è appunto esagerato ma, le sue specifiche tecniche, davvero irrisorie: uno schermo da 4,97” full HD, 6GB di RAM e 128 GB di memoria interna, sistema operativo Android Oreo con interfaccia personalizzata. Il punto di forza, però, è un piccolo pulsante rosso al lato del telefono, che serve ad attivare il servizio Concierge: una persona, 24 ore su 24, sarà pronta ad aiutare per qualsiasi evenienza, dal progettare un viaggio o prenotare un tavolo per cena!
     
     
  • in

    IFA 2018, è iniziato il più grande spettacolo tecnologico d’Europa!

    A Berlino è iniziato l’evento principale per l'elettronica di consumo, l’IFA 2018, che segna il debutto di molti gadget e dispositivi. Le aziende di tutto il mondo sono giunte nella capitale tedesca per mostrare i loro ultimi dispositivi intelligenti: dai telefoni, laptop e altoparlanti ai frigoriferi, ai forni e alle lavatrici. Tra le novità già presentate non si può non parlare del primo smartphone Android One di LG, il G7 One, versione economica del top di gamma G7 ThinQ. Google Germania, inoltre, ha confermato che sarà presentato Google Home Max, da tempo già in vendita negli USA. TP-Link ha messo un mini proiettore nel suo nuovo prototipo Neffos P1, che riproduce immagini in HD fino a 5 metri di distanza. Molto altro verrà svelato nelle prossime ore, seguici sulla pagina Facebook per aggiornamenti!
     
  • in

    Smartphone lento? Android lancia le versioni lite di alcune app

    Finalmente anche nel Google Play Store italiano è arrivata la possibilità di scaricare la versione Lite - ovvero meno pesante per il processore e meno ingombrante per la memoria interna - di molte app, che risulta essere ottimale per gli smartphone con Android GO e per tutti gli altri device non proprio di ultimissima generazione. Così, per rendere più semplice la loro individuazione, gli sviluppatori stando aggiungendo tale dicitura nelle pagine dello Store, avvisando gli utenti della possibilità di scelta tra la versione standard e quella più “leggera”.Questa nuova funzione potrebbe, pertanto, essere rivolta anche ad un pubblico intermedio, che possiede un dispositivo più potente degli entry level destinati alla Go Edition ma che comunque non disdegnerebbe scaricare le sue app preferite in una versione meno pesante. Alcuni esempi sono: Facebook, Messenger e Maps Go. Però, per conoscere con certezza quali saranno i piani di Google a riguardo, bisognerà attendere in quanto questa funzionalità sembra ancora in fase di test.
     
  • in

    In arrivo il nuovo smartphone marchiato Commodore!

    Nostalgici del Commodore 64 siete in ascolto? Avete capito proprio bene! La Commodore Business Machines, l’azienda italiana con la mission di portare in territorio smartphone lo storico marchio che lanciò il Commodore 64, 128 e Amiga, ha annunciato il lancio del terzo smartphone. Le specifiche tecniche sono ancora top secret, sappiamo solo che si chiamerà Nus, avrà un design in vetro e titanio per mantenere il peso al di sotto dei 200 grammi, un’interfaccia vintage ed una batteria da ben 6000 mAh! (più del doppio di iPhone X). Il sistema operativo sarà una versione personalizzata di Android che avrà, anch’esso, un aspetto vintage. Noi siamo impazienti, e voi?  
  • in

    Samsung Pay è da oggi ufficialmente disponibile in Italia

     

    Samsung Pay è un servizio di pagamento mobile usufruibile dai possessori di smartphones acquistati negli ultimi due anni - serie S, Note e A - a condizione di essere anche clienti degli istituti bancari aderenti (vedi sotto l’elenco).

    L’identificazione dell’utente può avvenire tramite il lettore di impronte digitaliscansione dell’iride o PIN e, in modo, il numero della carta di credito non comparirà mai nelle transazioni, né verrà memorizzato sul dispositivo. Non dovrai quindi tirare più fuori il portafoglio dalla tasca, poiché potrai pagare direttamente con lo smartphone in modo veloce, semplice ma soprattutto sicuro.

    Per utilizzare il servizio occorrerà registrasi sul sito Samsung e scaricare l’app di Samsung Pay dal Play Store. Una volta completata la registrazione della carta, Samsung Pay sarà pronto per essere utilizzato.

    Effettuare un pagamento sarà un gioco da ragazzi: basterà avvicinare lo smartphone al POS di pagamento, autenticarsi tramite il metodo scelto (PIN, impronta o retina) et voilà!

    Gli smartphone attualmente supportati da Samsung Pay sono:

    • Galaxy Note8

    • Galaxy S8/S8+

    • Galaxy S9/S9+

    • Galaxy S7/S7 edge

    • Galaxy A8 2018

    • Galaxy A5 2017

    • Galaxy A5 2016

    A questi si aggiungono gli smartwatch Gear S3 e Gear Sport. Allo stesso modo ci aspettiamo che la maggior parte dei futuri smartphone Samsung supportino tutti Samsung Pay.

    Le banche aderenti a Samsung Pay in Italia sono:

    • Banca Mediolanum

    • BNL

    • Hello bank!

    • Intesa Sanpaolo

    • Unicredit

    • CheBanca!

    circuiti di credito invece sono i seguenti:

    • Nexi

    • MasterCard

    • VISA / V Pay

    • Maestro

    Samsung, però, sottolinea un fattore molto importante da tenere in considerazione e cioè che Samsung Pay in Italia funzionerà solamente sugli smartphone commercializzati direttamente da Samsung Italia, quindi quelli coperti da garanzia italiana. Chi possiede uno smartphone di importazione, dunque, potrebbe non poter utilizzare la piattaforma di pagamenti mobile.