More stories

  • in

    È arrivato Android 10!

    E vero, per il momento è principalmente supportato dai Pixel di Google ma ciò non toglie che Android 10 sia finalmente disponibile. Tra le novità che tutti stavano aspettando c’è, sicuramente, la modalità scura e, su questo, Android 10 non delude. La nuova modalità, infatti, aiuterà le prestazioni della batteria per il tuo telefono OLED ed è supportata da un numero sempre maggiore di app: Gmail ancora no (come mai?). Un’altra modifica importante è la navigazione gestuale aggiornata, la quale resta facoltativa e potrai comunque continuare ad utilizzare la vecchia navigazione a tre pulsanti che Android offre da tempo. Vi è poi la Smart Reply aggiornata, che suggerisce azioni dalle tue notifiche: ad esempio, se una notifica include un link, Smart Reply suggerirà di aprirlo in Chrome. Ci sono anche un paio di funzionalità per la privacy e la sicurezza, inclusa la possibilità di condividere la tua posizione con le app solo mentre le usi e una nuova sezione Privacy in Impostazioni che ti dà accesso ai controlli per la gestione della cronologia web e delle app. Con i nuovi aggiornamenti di sistema di Google Play, l'azienda ora può anche inviare importanti correzioni di sicurezza e privacy direttamente al telefono dal Google Play Store, senza dover così passare attraverso il processo di aggiornamento del sistema. Dati i lenti cicli di aggiornamento di Android, questa è una nuova importante funzionalità. Come per le versioni precedenti, questi sono solo alcuni dei punti salienti e, nuove funzionalità, potrebbero essere introdotte con le prossime beta.
     
  • in

    Arrivato l’aggiornamento di Google Play Store 14.4.20

    Scaricando le app con AppGratuita, saprai sicuramente quanto è importante che il Google Play Store funzioni ai massimi livelli e che sia privo di malware. A tal proposito, vengono sempre rilasciati continui aggiornamenti di cui l’ultimo proprio ieri. Il nuovo aggiornamento 14.4.20, nello specifico, si concentra sul miglioramento delle prestazioni introducendo una serie di modifiche del software che non solo aumentano le prestazioni generali dello Store ma migliorano anche la stabilità del software, riducendo così le possibilità che l'app e la libreria di giochi si blocchino. Sappiamo, però, che gli aggiornamenti Google impiegano mesi prima di arrivare in Italia, motivo per cui qui sotto potrai trovare il link per aggiornare manualmente lo Store. Solitamente, consigliamo di aspettare gli aggiornamenti “ufficiali” ma, se proprio non vuoi aspettare, ecco come fare: scarica il file APK sul tuo telefono, abilita l'opzione “Installazione da fonti sconosciute”, poi vai su Impostazioni> Sicurezza> e quindi attiva l'opzione.
     
  • in ,

    Presto, nessuno potrà aggiungerti ad un gruppo WhatsApp senza la tua autorizzazione

    A chi non è capitato di esser stato aggiunto all’ennesimo gruppo su WhatsApp? Ogni scusa è buona per crearne uno e ci poi ci si ritrova sommersi da valanghe di messaggi. Ma niente paura, presto sarai in grado di rifiutare fastidiosi inviti ai gruppi. Come? Con il prossimo aggiornamento, infatti, potrai gestire le impostazioni relative alle chat di gruppo grazie alla funzione "Invito di gruppo" che consentirà agli utenti di controllare chi è autorizzato ad aggiungerti ai gruppi. L'aggiornamento è stato segnalato da WABetaInfo martedì, ma al momento è disponibile solo per i beta tester. Quando la funzione verrà implementata, ti basterà accederai a Impostazioni> Account> Privacy e facendo tap su ‘gruppi’ potrai permettere a tutti, i miei contatti o nessuno di aggiungerti ai gruppi. In quest’ultimo caso, dovrai approvare o rifiutare ogni volta che verrai aggiunto ad una chat di gruppo e tali richieste avranno un periodo di scadenza di 72 ore.
     
  • in ,

    In arrivo autenticazione con Face ID e Touch ID

    È ufficiale, nessuno spione potrà più leggere i tuo messaggi! WhatsApp, infatti, sta integrando entrambe le funzioni di autenticazione (Face ID e Touch ID) al fine di proteggere l’app, e tutto il suo contenuto, da accessi non autorizzati. La conferma, avuta grazie a WABetaInfo, è arrivata mesi dopo i vari rumors circa la possibilità che gli sviluppatori stessero lavorando per portare il Face ID e Touch ID su WhatsApp sia per Android che per iOS. Ovviamente ci vorrà un po' di tempo prima che l'azienda si assicuri che tale funzionalità sia stabile prima e possa essere abilitata per tutti gli utenti di WhatsApp. Il meccanismo di autenticazione delle impronte digitali aggiungerà quindi un ulteriore livello di sicurezza poiché gli utenti di WhatsApp dovranno autenticarsi ogni volta che apriranno l'app. La nuova autenticazione, inoltre, proteggerà l'intera app, e non sarà possibile utilizzarla per bloccare conversazioni specifiche. È solo questione di tempo, speriamo l’aggiornamento arrivi presto!     
  • in

    È stato rilasciato iOS 12.0.1: novità, risoluzione bug e 70 nuove emoji

    Nella giornata di ieri è stato rilasciato il primo aggiornamento di iOS 12 per correggere dei bug ed introdurre qualche piccola novità. L'aggiornamento, infatti, ha aggiunto oltre 70 nuove emoji, che includono: capelli rossi, capelli grigi, capelli ricci, viso infreddolito, faccia da festa, viso con cuori, mango, canguro, pavone, aragosta, cupcake e molte altre. Inoltre, è stato introdotto il supporto per l'eSIM, che è una SIM digitale che ti consente di attivare un piano cellulare da un gestore telefonico senza la necessità di utilizzare una scheda SIM fisica. Per quanto riguarda le correzioni dei bug, iOS 12.0.1 risolve il problema di ricarica, di cui avevamo già parlato (il cavo Lightning non ricaricava il dispositivo mentre lo schermo è spento) e corregge, inoltre, un bug che ha causato agli iPhone XS e XS Max un rallentamento della velocità WiFi. Vale la pena fare l’aggiornamento? Se il tuo dispositivo era stato “colpito” da uno di questi bug, ovviamente sì. In caso contrario, invece, suggeriamo di aspettare almeno una settimana ed aspettare che gli altri testino l’aggiornamento.  
     
  • in

    Novità  WhatsApp: ora segnalerà  i messaggi inoltrati

    In un post pubblicato giovedì, WhatsApp ha annunciato una nuova funzionalità, per combattere la disinformazione diffusa attraverso la loro app, che indicherà quando un messaggio è stato inoltrato a qualcuno da un altro utente. L'etichetta verrà applicata non solo ai messaggi di testo ma anche alle immagini, video e audio. La società ha infatti comunicato di avere a cuore la sicurezza degli utenti, affermando “Ti invitiamo a pensare prima di condividere i messaggi che sono stati inoltrati. Come promemoria, puoi segnalare lo spam o bloccare un contatto con un solo tocco e puoi sempre contattare direttamente WhatsApp per chiedere aiuto "- Prima di lanciare la funzionalità in tutto il mondo, WhatsApp aveva testato la beta di questa nuova funzionalità in India e in Brasile, dove più di 300 milioni di cittadini utilizzano l'app e, in entrambi i Paesi, la piattaforma è spesso usata per la diffusione di pericolose voci virali. In Brasile, ad esempio, alcuni giornalisti hanno ipotizzato che la disinformazione, diffusa dall'app,  sul vaccino contro la febbre gialla abbia causato il risorgere della malattia in numeri senza precedenti. Il problema delle fake news è davvero importante, tanto che la società aveva annunciato lo scorso mese premi monetari illimitati "per la ricerca sulla diffusione di disinformazione sulla su WhatsApp" al fine di risolvere il problema.
  • in

    WhatsApp consente di riprodurre i video di Facebook e Instagram all’interno dell’app

    Grazie ad un nuovo aggiornamento, WhatsApp ti consentirà di riprodurre i video di Facebook e Instagram direttamente dall’app. Adesso, dunque, se mentre chatti con qualcuno riceverai il link di un video, facendoci tap sopra non sarai più mandato in altre app ma potrai guardare il video mentre continui a chattare.

    Facebook ha lavorato per integrare le sue varie app, offrendo agli utenti un controllo più uniforme sui loro contenuti su Facebook, Instagram e WhatsApp.

    La nuova funzionalità fa parte dell'ultimo aggiornamento iOS di WhatsApp che aggiunge, tra le altre cose, anche la possibilità di aggiungere e revocare i privilegi di amministratore di altri utenti in una chat di gruppo. L’aggiornamento per Android non è ancora stato rilasciato.

  • in

    C’è da attendere al ristorante? te lo dice Google!

    Google è ormai un indispensabile strumento per la vita di tutti i giorni, soprattutto per evitarci ore di traffico. Questa volta, però, il colosso di Montain View, ha deciso di aiutare tutti gli amanti del gourmet e a chi non vuole perdersi mai una cena nel proprio locale preferito. Come?

    Google ha da poco rilasciato un nuovo aggiornamento per la versione iOS di Maps, dove, tra le varie novità, vi è la possibilità di visualizzare i tempi di attesa medi di oltre un milione di ristoranti in tutto il mondo. Il nuovo update, inoltre, ti consentirà di trovare più facilmente le recensioni su un determinato ristorante, così da dare un’idea più chiara a coloro che intendevano visitarlo. Si tratta, quindi, di un arricchimento delle schede informative che troviamo nelle pagine dedicate agli esercizi commerciali su Google Maps.

     

    Si tratta di un aggiornamento davvero utile e dalle grandi potenzialità. Basti pensare a quella volta in cui ti è capitato di andare a cena fuori e di rimanere per ore all’esterno del ristorante in attesa di un tavolo libero

    Ma come fa Google a dirti quanto dovrai aspettare? Il tempo di attesa, in realtà, viene calcolato analizzando i dati statistici riguardanti il numero di persone registrate all’interno del locale nel corso degli anni. Si tratta quindi di un calcolo approssimativo, che non deve essere preso alla lettera. Potrebbe infatti capitare che il tempo stimato, visualizzato sullo smartphone, sia diverso da quello reale ma, nonostante ciò, si tratta di una funzionalità davvero utile: ad esempio, quando si è in viaggio e non si conosce bene un locale o non si è avuto il tempo di prenotare un tavolo al ristorante. In questo caso basterà sfruttare Google Maps e la scheda dell’esercizio, per decidere in quale locale andare.